Senza categoria

BACH TO ME

Questo primo studio è il frutto di una fantasia suggerita dalla musica. J.S.Bach ci ha portato in un mondo parallelo, fatto di linee e di forme neoclassiche o meglio classicamente contemporanee. Tutto è spinto dal virtuosismo e ogni immagine ed emozione scaturisce da esso. Il lavoro non è che un’invenzione su un’invenzione e ogni variazione non è che l’assemblaggio di un insieme di idee, di note, di assoli. Un attrice in scena da respiro alla forma delineando a volte un frammento di contenuto per poi perdersi ancora nella fantasia musicale. Bach to me non è che un profondo gioco virtuoso. Quando la musica si accende il fantasticare è d’obbligo.

Teatro Čaika

sabato 7 aprile ore 21.00

domenica 8 aprile ore 18.00

Un Minuto di Silenzio

UN MINUTO di SILENZIO è la storia di un ragazzino, un ragazzino nato in un paesino sperduto del profondo sud, una sconosciuta provincia della Calabria Saudita; un ragazzino che mica lo sa, che i suoi antenati, duemila anni fa, hanno preso a botte e sputi Gesù Cristo… che poi è una voce, una voce di popolo, niente di che…

UN MINUTO di SILENZIO è la storia di un ragazzino, un ragazzino che poi diventa uomo, ed è la storia del suo dono, miracoloso, e del suo abuso: il miracolo di un minuto, un minuto esatto, spaccato, preciso; e del bene che ne viene: via il dolore, e le lacrime hanno un altro sapore… di… gioia, per tutti…

Per tutti tutti? e chi paga il prezzo?

“Oggi sono rimasto seduto sulla tazza del cesso per 1 h e 3 min… Così… Fermo… Sulla tazza del cesso… Con braghe e mutande sotto le ginocchia… 1 h e 3 min… Passo un sacco di tempo in bagno… Porta chiusa e aria accesa… E in mezzo… Tra un tuffo e l’altro… penso… penso…”

Presso Sala Teatro STED 

sabato 17 marzo ore 21.00

domenica 18 marzo ore 18.00

Laboratorio di Public Speaking

La paura di parlare in pubblico spesso ci impedisce di esprimere nel modo giusto ciò che vogliamo comunicare, da qui l’importanza di dominare l’emotività attraverso l’apprendimento di alcune tecniche teatrali che consentano a tutti di comunicare con naturalezza ed efficacia.

Obiettivo di questo laboratorio è quello di potenziare le capacità oratorie dei partecipanti e di renderli consapevoli delle proprie capacità espressive, attraverso l’acquisizione di tecniche vocali e gestuali.

DISPERATICO EROTICO WC

“Ma allora per te com’è stato?”

Un incontro fortuito, vite opposte, ma qualcosa che lega.

“Disperato Erotico WC” è uno studio teatrale scritto e prodotto da Bianca Ferretti e Catia Gallotta che ha vinto il concorso “Lumintenda 2017” per la sezione Teatro.

presso Sala Teatro STED

sabato 24 febbraio ore 21.00

domenica 25 febbraio ore 18.o0

TRANS-FERRE

Primo studio di un progetto nato con la formula LAB di stedSTUDIO attraverso una mini residenza all’ interno dei suoi spazi e grazie al tutoraggio della coreografa Lara Guidetti, direttrice artistica della compagnia Sanpapiè che produce il progetto.
In scena le due danzatrici Martina Monaco e Sofia Casprini.
”Transfèrre” è un esperimento coreografico che studia il meccanismo fisico del pendolo di Newton, strumento che analizza il trasferimento energetico tra due corpi che subiscono un urto.

presso Sala Teatro STED

sabato 17 febbraio ore 21.00

domenica 18 febbraio ore 17.30

ARTFIT

Non si tratta di un laboratorio, né di un Corso, bensì di una vera e propria “palestra” che segue quindi le regole del lavoro e della presenza. Un luogo dove ci si allena, si gioca, si scambiano idee ed esercizi, dove ci si prepara in vista di una possibile audizione o ad una nuova produzione. Un luogo dove “rinfrescare“ la pratica, partecipando quando puoi.

“Se non faccio training per un giorno, solo la mia coscienza lo sa; se non lo faccio per tre giorni, solo i miei compagni lo notano; se non lo faccio per una settimana, tutti gli spettatori lo vedono.”
E.Barba

DAL 5 FEBBRAIO 2018
ogni lunedì dalle 10 alle 13 presso la nostra sede STED.

EVIL @Cajka

EVIL

Tratto dal Riccardo III di W.Shakespeare

7-8-9 Aprile ore 21.00 @Cajka Teatro D’Avanguardia Popolare, Via della Meccanica 19, Modena

Amleto, la storia di un principe- Cajka, Teatro d’Avanguardia Popolare

“Amleto”

La storia di un principe

 

“Amleto: la storia di un principe” racconta e analizza i processi e i passaggi che caratterizzano la cruda storia di Amleto: un principe che doveva diventare re. Dalla visione del fantasma del padre, alla morte indotta per veleno. In questo monologo l’attore/regista Tony Contartese mette a nudo i pensieri dell’agire e del non agire di un uomo condannato a vendicare il padre senza diventare lui stesso un assassino. Essere o non essere, agire o non agire, rivendicare o subire senza perdere la propria identità, il proprio ruolo di principe. Lo spettacolo, attraverso i soliloqui di Amleto cerca di restituire agli spettatori l’originalità del proprio essere, l’essere per se stessi  senza compromessi, senza perdersi nei traumi che la carne eredita. Si parla qui di un principe, di un uomo, che ogni suddito vorrebbe come proprio re. Essere fedeli a se stessi fino in fondo all’anima in un contesto storico, dove vi regna solo una natura fetida e volgare. Forse è proprio nel momento in cui l’uomo è completamente solo che trova la sua strada, il suo cammino. Shakespeare fa di questo personaggio un’artista della solitudine, un uomo che cerca e che si interroga, un uomo che pensa e riflette per trovare se stesso, senza dimenticare doveri e valori. Ed è in questo preciso momento, nella domanda, nel proprio dubbio, che Amleto trova la sua autenticità e come avanzare. Ispirato, userà la follia per parlare, il Teatro per stupire e la propria morte per agire. Amleto attende e costruisce quell’attimo dove finalmente potrà essere libero: la sua morte. Morire per uccidere. Se Amleto è pazzo allora non è lui che fa un torto all’altro ma la sua follia. E se Amleto è morto allora non è Amleto che uccide ma la morte stessa. In un mondo che ci guarda, in una realtà di spettatori,  in una vita di finzione: dov’è la giustizia? Quella vera e onorevole? In un mondo di maschere, trovare la propria, l’originale, quella che più ci calza a pennello è l’unico atto d’amore. Il resto è silenzio.

 

Amleto- La storia di un principe” di e con Tony Contartese, andrà in scena Giovedì 25 e Sabato 27 Febbraio 2016 alle ore 21 al Cajka Teatro D’Avanguardia Popolare, Via della Meccanica 19, Modena.